News Ristorazioneinfranchising.it

Federdistribuzione Franchising, nuova associazione del franchising.

Federdistribuzione-Franchising-nuova-associazione-del-franchising

Alle quattro associazioni che già facevano parte della federazione che riunisce le associazioni della distribuzione moderna nel nostro paese, si è unita anche la neonata Federdistribuzione Franchising. Lo scopo che ha distinto con grande forza il varo del nuovo soggetto della Distribuzione Moderna Organizzata, è soprattutto quello di riuscire a dare la migliore rappresentazione e tutela possibili alle imprese che sono chiamate ad operare nell’ambito del settore alimentare e non alimentare nella loro veste di franchisor. Una rappresentanza da esercitare in particolare nel complesso quadro dei rapporti istituzionali, di carattere nazionale ed internazionale, oltre che con gli enti locali e in quelli con altre organizzazioni imprenditoriali.
Tra le realtà che hanno deciso di partecipare al varo di Federdistribuzione Franchising vanno ricordati Gs Dì per Dì e Società sviluppo commerciale, tutte del Gruppo Carrefour, Intersidis, Sma, Selex, Gruppo Coin e Bricocenter Italia. Ad esse, stanno già per aggiungersi, o potrebbero farlo in breve tempo, altre realtà che lavorano nell’ambito del franchising. Lo sguardo è però rivolto anche ad aziende che si muovono in questo momento fuori dall’orbita di Federdistribuzione.
A ricoprire la carica del nuovo soggetto, è stato chiamato Maurizio Nicolello, il Direttore Franchising di Gruppo Carrefour. A spiegare il senso dell’iniziativa è stato il numero uno di Federdistribuzione, Giovanni Cobolli Gigli, il quale ha voluto ricordare a margine dell’evento che molte delle imprese associate all’organizzazione da lui presieduta. hanno già deciso di adottare dal canto loro la formula del franchising. Gli esercizi che operano attraverso punti vendita di questo genere sarebbero ad oggi circa 8600, ripartiti tra alimentari e non alimentari, con un volume di affari che raggiunge la cifra complessiva di 9,3 miliardi di euro. Una realtà che è di conseguenza ormai molto importante, alla quale si è perciò pensato di dare una struttura organica, con un soggetto del tutto nuovo in grado di tutelare al meglio gli interessi degli associati.
Lo stesso Cobolli Gigli ha voluto mettere con molta decisione l’accento sull’importanza del franchising, visto come una leva estremamente importante per tutte le imprese che operano nella distribuzione moderna organizzata. Una leva in grado di promuovere nel modo più efficace lo sviluppo dei propri brand dando luogo ad un legame più stretto tra le insegne distributive, con il bagaglio di efficienza ed organizzazione che esse rappresentano, e l’imprenditoria diffusa sul territorio, con lo spirito di iniziativa e la conoscenza della realtà locale che distingue quest’ultima.
Sempre Cobolli Gigli ha inoltre ricordato come proprio il franchising possa essere considerato un modo per aiutare l’emersione di uno spirito imprenditoriale che continua ad esistere in Italia, ma che stenta ad esprimersi a causa delle difficoltà derivanti dalla grave crisi economica in atto. Proprio questa formula, perciò, potrebbe incentivare donne e giovani a rientrare nel circuito produttivo.
Infine, il presidente della Federazione ha ricordato come il varo di Federdistribuzione Franchising è un modo per operare in maniera organizzata anche nel settore che riunisce i franchisor, dando vita alla creazione di un contesto in grado di favorire al massimo questo tipo di gestione dei punti vendita offrendo di conseguenza una nuova serie di opportunità di carattere professionale che potrebbero creare nuove prospettive occupazionali in un paese che ha visto falcidiare i posti di lavoro dall’asprezza della crisi economica.

Redazione ristorazioneinfranchising.it

Lunedì 11 dicembre 2013

© Riproduzione vietata

Share Button